Giochi di spazi nella collezione uomo di Thom Browne

Malesoulmakeup

Quando mi è stato chiesto di scrivere sull’ultima collezione uomo di Thom Browne presentata durante la settimana della moda di Parigi, ho dato uno sguardo ai modelli proposti e sono rimasta colpita. Sono abituata a vedere abiti tagliati su misura per corpi tagliati su misura per gli abiti, il cui risultato – quasi dogma – è che tutto deve essere molto stretto, a sottolineare la sottigliezza delle forme corporee, e senza margine alcuno.

I modelli di Browne, invece, mi hanno fatto respirare: abiti che occupano spazio, tanto, e che non cercano la scultura del corpo perfetto. Mi hanno ricordato dei moderni Tweedledee e Tweedledum di Alice in Wonderland: non sono abiti “Oh cielo! Sono proprio alla moda, mi noteranno di certo!”; sono piuttosto abiti “Sto passando io, prego, si faccia da parte”.

Questo è quello che ho pensato all’inizio, e in parte lo penso ancora.

Questi modelli sono il…

View original post 316 altre parole

Annunci

Informazioni su elisabettagasperini

Psicologa Psicoterapeuta
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...